LA poesia unisce TERAMO E Cambridge

LA poesia unisce TERAMO E Cambridge

Un concorso letterario, lanciato da una teramana bloccata in Inghilterra dalla pandemia, crea un virtuale spazio d’incontro “fra tre fiumi”.

Sabato 18 luglio, con una cerimonia di premiazione virtuale, si è concluso casomaiAdesso, il primo concorso internazionale di scrittura poetica in lingua italiana a Cambridge. L’iniziativa è stata realizzata da INTER AMNIA – 两河之间 – Between the Rivers, centro che promuove il plurilinguismo, la comprensione interculturale e la coesione sociale.

Lanciato in piena pandemia il 15 aprile scorso in prima edizione assoluta, il concorso ha attirato adesioni da tutta Italia (Abruzzo compreso), Regno Unito, Polonia e Algeria. Quindici i componimenti finalisti selezionati tra i 159 in gara, che si sono contesi premi in denaro e menzioni di merito assegnati da tre diverse commissioni, composte da esperti e appassionati di poesia. Una giuria di scrittori professionisti – Cristina Marconi, Gaetano Barreca e la pescarese Maura Chiulli – ha assegnato il Premio Letterario alla lirica “Collegio Mortati, Via Martiri della Libertà” di Giuseppe Nori. Una commissione tutta teramana di esperti di poesia – Vincenzo Lisciani Petrini, Francesca Mincione e Valeria Di Felice – ha poi conferito il Premio Culturale a “Tace la notte” dell’aquilana Elisabetta Liberatore. Una terza selezione – in cui i finalisti hanno scelto una poesia preferita fra quelle altrui – ha infine identificato in “grani di marmo”, del pescarese d’adozione Cosimo Rotolo, la vincitrice del Premio Solidale. Quattro le menzioni di merito, per i componimenti “grani di marmo”, “Crepuscolo sulla darsena” di Paolo Giovannetti (due menzioni) e “Padrone del nulla”, ancora di Elisabetta Liberatore.

L’ideatrice del concorso casomaiAdesso e fondatrice del centro culturale INTER AMNIA (che preferisce restare anonima) è teramana per nascita, abruzzese per passione e cittadina del mondo per scelta. «Da anni sognavo di creare uno spazio d’incontro e confronto che ruotasse attorno alle tre culture – italiana, britannica e cinese – che in misura diversa hanno plasmato la mia vita; INTER AMNIA è nata nel settembre 2019 proprio da questo desiderio, modellata da tre mie grandi passioni: la mediazione linguistica, l’organizzazione di eventi e l’imprenditoria solidale. casomaiAdesso è stato il mio modo di affrontare una situazione spaventosa e scioccante attraverso la libera espressione dei sentimenti, alla ricerca di un senso di speranza, di positività, di futuro; ma non sarebbe stato possibile senza la solidarietà e generosità di giurati e partecipanti, che hanno scelto di credere in un progetto che non aveva ancora una storia consolidata.» Tra i prossimi eventi di INTER AMNIA, un laboratorio per italianisti nel Regno Unito, una competizione fotografica internazionale sull’Abruzzo e un percorso informativo interculturale sulla salute mentale; oltre, ovviamente, all’edizione 2021 di casomaiAdesso, da concludere questa volta con una cerimonia in presenza, forse tra Tordino e Vezzola, o forse sulle rive del fiume Cam.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi