Da Pier Paolo Pasolini nelle foto di Roberto Villa a Maria Pia Severi” – Mostra fotografica Museo Casa Natale di Gabriele d’Annunzio – Pescara – 6 febbraio 2015

Ricevo e giro: Inaugurata, venerdì 6 febbraio 2015 alle ore 18, una prestigiosa mostra fotografica dal titolo “Da Pier Paolo Pasolini nelle foto di Roberto Villa a Maria Pia Severi” presso il Museo Casa Natale di Gabriele d’Annunzio di Pescara dove sarà ospitata fino al 4 marzo 2015.

La mostra, organizzata da Salvo Nugnes, Presidente dell’Associazione “Spoleto Arte” e curata dal noto critico e studioso d’arte Vittorio Sgarbi, propone suggestive immagini fotografiche realizzate da Roberto Villa durante le riprese sul set del celebre film “Il fiore delle mille e una notte”, che ha consacrato Pier Paolo Pasolini come regista di impeccabile talento; accanto, gli originali scatti fotografici di Maria Pia Severi, fatti durante le sue visite a città italiane e internazionali.

E’intervenuta per i saluti, Lucia Arbace, Direttore Regionale supplente e Soprintendente BSAE dell’Abruzzo che ha sottolineato la significatività per il visitatore di questo interessante percorso di opere esposte.

Il prof. Sgarbi ha sottolineato che Pasolini è stato l’intellettuale più attuale, perché ha intuito il percorso rovesciato del progresso, ha fatto considerare che fossero positive cose che non lo sono; un’anima cattolica tormentata, con una vita contrastata. Due epoche diverse ma due vite parallele fra Pasolini e Caravaggio, entrambi con percorsi difficili, con una doppia vita: la vita dell’arte e la vita libera, morti entrambi drammaticamente.

Gli scatti del fotografo Roberto Villa, sono un ricordo del grande maestro del cinema italiano e ci permettono di “vedere” il racconto di un viaggio intrapreso nel 1973 sul set del film “Il fiore delle mille e una notte” girato da Pasolini nel Medio Oriente, tra Yemen del Sud e del Nord, Persia. Il fotografo milanese, invitato dal regista a seguirlo con la sua macchina fotografica, ha documentato l’intera giornata delle riprese del film, ciò che avveniva dentro e fuori. Roberto Villa racconta che “a chiusura dei lavori cinematografici, Pasolini stupito dal risultato, si complimentò attribuendo al fotografo il ruolo di regista e a se stesso quello di interprete”.

.In esposizione accanto agli scatti dedicati al grande scrittore, regista e poeta Pasolini, l’arte fotografica di Maria Pia Severi, emiliana, seguita da tempo dal prof. Sgarbi che la definisce una fotografa dalla visione libera e creativa, vede le forme e le dissolve.

Nella sua originale ricerca fotografica, l’artista rinuncia alla nitidezza della riproduzione fotografica per proporre immagini oniriche, che non documentano ma evocano, come le figure femminili e luoghi e monumenti avvolte in un’aura di mistero.

Scatti fotografici realizzati durante le sue visite a città italiane (Modena, Venezia, Mantova, Ferrara, Bologna, Firenze, Verona e l’isola di Capri) e internazionali (Lisbona).

Molto emozionante la partecipazione dell’attrice, Franca Minnucci, con la lettura di alcuni versi di Pier Paolo Pasolini tratti dalle Ceneri di Gramsci, “Supplica a Maria Madre” e “Senza di te tornavo come ebreo” oltre che di alcune lettere struggenti, scritte dalla grande attrice teatrale italiana Eleonora Duse al poeta Gabriele d’Annunzio. Il foglio è il palcoscenico e le lettere sono la voce di Eleonora Duse.

A conclusione della serata una targa di riconoscimento è stata consegnata da Salvo Nugnes, Presidente dell’Associazione “Spoleto Arte” alla Soprintendente BSAE, Lucia Arbace.

Per l’occasione, ai nostri microfoni, hanno rilasciato dichiarazioni, Salvo Nugnes, organizzatore dell’evento, Elena Gollini e la fotografa Maria Pia Severi.

dott.ssa Angela DE FRANCESCO foto di Michele Raho

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.