Garrufo di Sant’Omero, Derby del sorriso e mostra di vignette

Garrufo di Sant’Omero, Derby del sorriso e mostra di vignette

garrufo-di-santomero-derby-del-sorriso-e-mostra-di-vignette

COMUNICATO STAMPA
VIII ed. “Sorridi con gusto”
Garrufo di Sant’Omero, 2 agosto 2016
Il giornalista sportivo Darwin Pastorin e l’ex calciatore del Torino Rosario Rampanti saranno ospiti la sera del 2 agosto (ore 20:45) a Garrufo di Sant’Omero, in occasione della ottava rassegna nazionale di disegno umoristico “Sorridi con gusto”. La manifestazione, nata un’idea di Enrico Di Carlo, è organizzata dalla Pro Loco della cittadina teramana e ha il patrocinio del Comune di Sant’Omero. L’edizione di quest’anno è anche patrocinata dall’Università di Teramo e dalla FIGC Abruzzo.
Insieme a Pastorin e a Rampanti ci sarà il giornalista della Rai Umberto Braccili. I tre, pungolati da Luigi Mastrangelo, parleranno dell’etica dello sport, fermandosi cioè a riflettere sui valori e sulla correttezza che lo sport, e il calcio in particolare, devono esprimere sui terreni di gioco, e fuori.
Pastorin e Rampanti faranno anche da ‘padrini’ alla mostra umoristica “Il derby della Mole”, allestita nelle aule della Scuola elementare. A sfidarsi a colpi di matita saranno Vladimiro Di Stefano (Diste), recentemente autore di un libro sui capitani della Juventus, e Carlo Sterpone, matita storica della squadra granata.
La mostra rimarrà aperta tutte le sere (ore 20:00-24:00), fino all’8 agosto.
Sempre la sera del 2 si svolgerà la cerimonia di premiazione dell’XI concorso letterario “racconto breve” dedicato a Giammario Sgattoni, presentata da Sandro Galantini. Il premio nasce dalla volontà di ricordare l’intellettuale teramano, valorizzando nel contempo quell’Abruzzo del quale lo stesso Sgattoni si è sempre interessato nei suoi molteplici studi.
L’edizione di quest’anno, alla quale hanno partecipato 75 concorrenti provenienti da tutta Italia, è stata vinta dall’avezzanese Davide Maceroni, con il racconto “La leggenda di Fucino e Angizia”. Si è classificata seconda Stamura Favoino, nata a Crotone e residente in provincia di Roma, con il racconto “Il rito dei serpari”; terzo è il palermitano Antonio Giordano con il racconto “Ballarò”. A Maceroni va anche il “Premio Corfinio-Barattucci” quale migliore autore abruzzese.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close